Guanti in nitrile

Guanti in nitrile: ecco quali scegliere

In commercio si trovano diverse tipologie di guanti monouso, a differenziarli tra loro solitamente è il materiale con cui sono fatti. Oggi vi parliamo dei guanti in nitrile, quali bisogna scegliere? Questa è una tipologia molto utilizzata, soprattutto da tutti coloro che soffrono di allergie. È un’ottima e valida alternativa ai più comuni guanti in lattice, specie per chi ne è allergico.

Il nitrile è infatti fabbricato da un polimero sintetico che ha gli stessi benefici del lattice, inoltre è un materiale più resistente che si conserva più a lungo nel tempo. Si trovano sia con la polvere che senza, nel primo caso indossarli sarà più semplice.

Anche se si tratta di guanti monouso quelli in nitrile sono molto più duraturi di quanto si possa immaginare, poiché sono resistenti, ergonomici ed elastici. Rispetto ad altre tipologie si forano con minore frequenza. La loro superficie è microruvida, presentano una maggiore sensibilità tattile e proteggono la pelle da aggressive sostanze chimiche, microrganismi, agenti chimici, riducono il rischio di dermatiti e altro ancora grazie alla loro elevata impermeabilità. Essendo un materiale più resistente e di alta qualità il costo di questi guanti è superiore a quello di altre tipologie.

Quando si acquistano i guanti in nitrile scegliere tra quelli con o senza polvere dipende dalle vostre esigenze. Quelli con la polvere si indossano con più facilità, se però siete dei soggetti allergici o avete la pelle sensibile è meglio utilizzare quelli che non hanno polvere. I guanti in nitrile sono praticamente adatti per ogni utilizzo e a seconda dei vari usi li trovate in vari spessori.

LEGGI ANCHE ->  Camici monouso: come riciclarli