Pisa, violenza sessuale su studentessa: arrestato 20enne

Violenza sessuale studentessa

PISA – Un ragazzo extracomunitario, di 20 anni, è stato arrestato dalla polizia di Pisa con l’accusa di violenza sessuale nei confronti di una ragazza che si trovava a bordo del treno regionale Livorno-Pisa. Il tutto è avvenuto il giorno 11 luglio e gli agenti sono riusciti a scovare il colpevole grazie all’ausilio delle immagini registrate dalle telecamere di sorveglianza del convoglio che sono riuscite a riprendere l’intera aggressione.

La polfer è intervenuta dopo che il treno è giunto alla stazione di Pisa grazie a una segnalazione del capotreno a cui la vittima si era rivolta per denunciare la violenza sessuale subita. La polizia, in una nota, spiega che grazie alle informazioni fornite dalla ragazza, all’intervento della polfer e alle riprese video, sono riusciti a incastrare il 20enne extracomunitario in possesso di regolare permesso di soggiorno e senza alcun precedente.

LA DINAMICA – Nel pomeriggio di sabato 11 luglio, la studentessa era salita sul treno diretto verso Pisa e si trovava da sola nel vagone. Poco dopo, un uomo è salito e le si è seduto accanto iniziando ad approcciarla pesantemente. La ragazza ha tentato di allontanarsi, ma l’uomo continuava a rincorrerla e ha iniziato a usare la forza. Quando il treno è arrivato a Pisa, la ragazza si è immediatamente rivolta al capotreno per denunciare la violenza sessuale. La dirigente della squadra mobile di Pisa ha sottolineato: “L’apporto prezioso fornito dal sistema di video-sorveglianza all’interno dei vagoni, che rappresenta una strategia capace di incrementare il senso di sicurezza dei cittadini”.