Ecco i 10 bambini killer più letali e famosi della storia

L’omicidio di un bambino riesce sempre a scuotere e sconvolgere l’opinione pubblica. Sembra impossibile fare del male a dei piccoli angioletti. Gli stessi, però, possono rivelarsi dei killer senza scrupoli. Per molti potrà sembrare strano che una mente tanto innocente possa compiere un omicidio, eppure ci sono alcuni casi che dimostrano una terribile brutalità e sete di sangue proprio da parte di alcuni piccoli. Ecco quindi una lista dei bambini killer peggiori di sempre

1 – JON VENABLES E ROBERT THOMPSON, 10 ANNI
Nel 1993, i due bambini rapirono James Burgler, di soli 2 anni. Jon e Robert hanno colpito 42 volte il piccolo con oggetti diversi, arrivando perfino a compiere su di lui delle violenze sessuali. James è stato poi abbandonato sui binari della ferrovia, in attesa che un treno gli passasse sopra. Una volta arrestati, emerse che Robert veniva violentato dal padre e che Jon era vittima di bullismo.

 

2 – JESSE POMEROY, 11 ANNI
Jessie è stato il serial killer più giovane ad essere condannato per omicidio in primo grado nella storia del Commonwealth del Massachussets. Il bambino provava piacere nel procurare dolore. Tra il 1871 e il 1872, ha torturato 7 ragazzi della sua stessa età. Amava condurli in luoghi nascosti, svestirli, molestarli sessualmente e facendogli dei tagli con un coltello. Venne rinchiuso per un paio d’anni in un riformatorio, ma le sue condizioni peggiorarono. Uscito di prigione, uccise decapitò un bambino di 4 anni.

 

3 – MARY BELL, 11 ANNI
La piccola Mary era figlia di una prostituta, ed è stata costretta, fin dall’età di 4 anni, ad avere rapporti sessuali a pagamento con alcuni clienti della madre. La madre di Mary la minacciò di morte diverse volte. Nel giorno del suo 11° compleanno, Mary ha assassinato un bambino di 4 anni. La bimba arrivò anche a denunciarsi alla polizia, che pensò si trattasse di uno scherzo di cattivo gusto. Qualche mese dopo, Mary strangolò un bimbo di 3 anni. Mary nascose il corpo del piccolo nel bosco, e incise una M sul suo stomaco. Gli tagliò poi i capelli e ne mutilò i genitali.

 

4 – NEVADA TAN, 11 ANNI
Quello di Nevada è uno pseudonimo perché una legge giapponese sulla tutela dei minori impedisce di diffondere certi dati. La piccola è stata accusata di aver ucciso una sua compagna nella scuola che frequentavano. Nevada uccide la bimba con un taglierino e iniziò poi a farle dei tagli sulle braccia. Nevada si giustificò dicendo che la sua vittima la prendeva in giro chi mandola grassa. Il caso è divenuto molto famoso e la bambina è diventata un personaggio di internet molto popolare.

 

5 – JORDAN BROWN, 11 ANNI
Nel 2009, Jordan Brown ha fatto saltare la testa della matrigna con un fucile. La donna era incinta di 8 mesi e Jordan temeva che l’arrivo del fratellino potesse rovinare lo splendido rapporto che aveva con il padre. Quello stesso fucile gli era stato regalato proprio dal padre.