Londra, aggrediti passanti metro. Per Scotland Yard è terrorismo

Aggressione nella metro, per Scotland Yard è terrorismoLONDRA – Paura alla stazione della metropolitana di Leytonstone, a nord est di Londra, dove un uomo ha aggredito un passante. “Questo sangue è per la Siria” ha urlando ferendolo alla gola. L’aggressore, in possesso di un coltello e secondo alcuni testimoni anche di un machete, è stato fermato dalla polizia con un Taser, pistola che rilascia potenti scariche elettriche. L’ipotesi, e le parole dell’aggressore, fanno pensare a un episodio di terrorismo. La scena è stata ripresa tramite i telefoni di alcuni passanti. In uno di questi video, la vicenda viene così commentata: “Non sei un musulmano, fratello, non sei un vero musulmano”.

“Incidente terroristico”, così Scotland Yard ha definito l’episodio verificatosi ieri sera alle 20 (ora italiana) in una stazione metropolitana fuori Londra. La motivazione del giovane sembra essere collegata alla decisione del Parlamento britannico di effettuare raid aerei contro l’Isis in Siria. L’ipotesi di un attacco terroristico, già alto dopo l’attentato del 13 novembre a Parigi, sembra essere ora molto più probabile. Richard Walton, responsabile dell’antiterrorismo della polizia londinese, ha sottolineato la necessità “di rimanere calmi, ma attenti e vigili. La minaccia terroristica rimane elevata”.

L’aggressore, un giovane ventenne di colore, ha colpito ha ferito gravemente un 56enne. Fortunatamente, la vittima non è in pericolo di vita. Aggredendolo, il giovane avrebbe urlato: “Ecco cosa succede quando fai lo stronzo con madre Siria, tutto il tuo sangue verrà versato”. In seguito, ha inveito contro altri passanti, ferendo altre due persone in forma lieve. L’intervento della polizia pochi minuti dopo si è conclusa con l’arresto del giovane. In corso gli accertamenti per capire se si è trattato veramente di terrorismo.